“ NESSUN DORMA”. 1


Il super emendamento, fa acqua da tutte le parti, il garante della privacy lo ha “
bocciato”. Direi bene, molto bene. Inoltre entro il 20 novembre il governo
italiano deve dare una risposta all’Europa sul modo in cui viene utilizzato il
green pass in Italia. In poche parole, o l’Italia cambia la sua politica sulla
tessera verde o comincia a pagare sanzioni. Ricordo a tutti i cittadini che le
sanzioni verranno pagate con il frutto delle tasse da noi versate. Inoltre vorrei
ricordare che anche i vaccini non sono gratuiti, ma vengono pagati da tutti
anche da chi ha fatto la scelta di non usufruire di questo trattamento sanitario
che non è obbligatorio.
Nel frattempo, la ministra Lamorgese ha dichiarato che le manifestazioni non
possono svolgersi nelle piazze, e non si devono fare i cortei. Però se si va a
vedere sulla gazzetta ufficiale, nulla di tutto questo è stato messo per iscritto.
Allora è solo propaganda per fare in modo che la gente non scenda in piazza.
Stanno succedendo talmente tante cose in questo periodo che a tenerle a mente
tutte mi risulta impossibile.
Dichiarazioni d’ogni genere, rimbalzano da un giornale all’altro da una tv
all’altra, ma poi vai a vedere nello specifico e vedi che è solo un parlare a
vanvera, per mettere le persone in ansia, per terrorizzare la popolazione e
tenerla nuovamente rinchiusa in casa.
I contagi aumentano. Il dieci per cento delle terapie intensive sono occupate dai
non vaccinati. Poi quando vai ad informarti bene, risulta che chi è in terapia
intensiva si trova chi è vaccinato con due dosi.
Allora a chi puoi credere?
Imparando ad osservare ciò che ci circonda, vediamo che al di la delle piazze
piene tutti i fine settimana, la gente sta bene.
Inoltre se tutti i malati sono non vaccinati i quali in genere per lavorare fanno i
tamponi ogni due giorni, non frequentano ristoranti al chiuso, cinema o teatri,
dove cavolo vuoi che si infettino?
I più controllati sono i non vaccinati, a loro spese per giunta.
Eppure si demonizzano sempre gli stessi, quasi a voler assolvere chi ha fatto un
vaccino per un virus che non c’è più, perché oramai mutato.
Allora avanti con la terza dose. Ma se non stanno funzionando le prime due
dosi, perché ostinarsi a fare una terza?
Vogliono vaccinare con questo vaccino sperimentale anche i bambini, ai quali
questo virus passa presso che inosservato. Mi chiedo a che pro, voler usare
questo siero sperimentale su di loro? Se una malattia non mi fa nulla, non è
mortale, perché devi usare una terapia su di me? Molti direbbe per proteggere i
più fragili. Ma se i più fragili si sono già protetti da soli vaccinandosi, allora di

cosa stiamo parlando?
Ci hanno “intortati” con frasette di buonismo di ogni genere.
“ Mi vaccino per proteggere mio nonno, mio figlio, i più deboli”.
Mentre l’effetto di questo vaccino finisce in breve tempo, hai comunque il
green pass che ti lascia libero di circolare ovunque, anche se oramai non sei più
coperto, diventi così anche tu un possibile untore come tutti i non vaccinati. Ma
tu ti senti in diritto di fare come vuoi, e sfoderi dalla tasca il tuo cellulare
ultimo modello con tuo qr code bello in vista, tanto anche se hai raffreddore o
febbre, tu puoi andare ad infettare nonno in casa di riposo, o la zia che ti ha
invitato a pranzo. Non dimentichiamoci che il fine settimana al cinema, non te
lo toglie nessuno, dato che ti sei vaccinato per avere la tessera del lascia
passare. Ecco il paradosso. Il non vaccinato tamponato e negativo viene visto
come un untore. Il vaccinato “scaduto” fino a che il suo qr code è funzionante è
liberissimo di sembrare una brava persona corretta verso la società.
Fino a quando non accettiamo il fatto che questa malattia è curabile, non ne
usciamo. Fino a quando ci accusiamo gli uni con gli altri, non ne usciamo. Fino
a quando diamo il potere a qualcun altro sulla nostra salute, non ne usciamo.
Mi chiedo, dove è finita la cara vecchia influenza stagionale. Così rassicurante,
sia con i suoi morti che con i suoi guariti. Il covid ha ucciso anche quella oltre
che il nostro buon senso.
Intanto aspetto con trepidazione il 20 novembre 2021, credo ci saranno delle
svolte epocali. Il governo non riesce più a trattenere il popolo con le sue
menzogne, l’Europa vuole chiarimenti. E se questa cosa non la fanno finire in
maniera leggera, il popolo ha già in mente di fare una mega festa di 21 giorni,
dove nessuno va più al lavoro. 21 giorni dove ognuno sta con la propria
famiglia, i propria amici, magari nella natura.
Il popolo italiano non ama le guerre, ama le feste, quelle vere, dove il
consumismo viene ridotto ai minimi termini, Dove nessuno va a comprare nella
grande distribuzione, nessuno compera su internet o fa investimenti in banca.
Ed ecco che si vedrà cadere questo grande castello di carta che è la finanza
mondiale delle multinazionali. E mentre noi facciamo festa, loro soccombono
miseramente.
Quindi gente SVEGLIA, NESSUN DORMA. Restiamo vigili in questi giorni,
gioiamo per i grandi cambiamenti che sono in atto intorno a noi e dentro di noi.
Il mondo è nostro, ci è sempre appartenuto. Siamo spiriti incarnati per fare
esperienza in questa materia solida, non lasciamo che ci spengano per diventare
loro proprietà e schiavi del loro sistema, dove pochi sono i ricchi e noi
dobbiamo essere gli schiavi a loro servizio.

Vi auguro una felice domenica.
Lisa Ermacora

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Un commento su ““ NESSUN DORMA”.

  • Fausta Grattoni

    Brava signora Lisa,proprio stamattina ho letto di una signora che ha fatto il tampone a Trieste con risultato positivo. Ha rifatto il tampone al confine Sloveno risultato negativo! Il giorno dopo lo ha ripetuto in altra farmacia sempre negativo! Inoltre a me che ho sempre odiato la matematica guardando i tg regionali non tornano i conti. Se controllate ci sono tot positivi. Quindi il totale fra ricoverati in quel giorno in intensiva, in altri reparti e quelli ai “domiciliari” dovrebbe corrispondere (sempre che la matematica non sia un opinione) invece no. C’è sempre un numero molto alto che manca. Mah…. che dire nel paese di De Lorenzo e Poggiolini tutto può succedere…