Diario dal corona virus 68


Certo che è proprio vero, ogni giorno si fa la luna e ogni giorno impari una.

Una giornata interessante,anche oggi ho imparato qualche cosa dalle persone.

Erano mesi che non vedevo questa cliente, che ho sempre trovato gentile e allegra.

Ovviamente come al solito parto con i miei discorsi politici, sul covid, sui complotti, eppure lei sempre con garbo e delicatamente dice il suo punto di vista diverso dal mio senza accusare alcun colpo. Io come al solito rincaro la dose, lei replica senza adirarsi.

Accidenti, penso, che meraviglia sentire idee diverse dalle mie ma senza sentirsi attaccati (mentre io attacco da tutti i lati, so che ho tirato fuori l’artiglieria pesante). Mi ritrovo a chiacchierare amichevolmente di cose che a volte anche con le persone più care non riesco a non far uscire la mia irascibilità.

Non so se ho fatto io un piacere a lei facendole i capelli o lei a me insegnandomi ad accettare il pensiero degli altri.

Ci siamo spesso trovate in disaccordo, eppure con lei mi sento arricchita, perché anche attraverso la sua visione degli eventi riesco a capire i miei punti forti o i miei punti deboli. In particolar modo comprendo cosa devo cambiare per diventare un po’ migliore. Quindi la ringrazio di cuore per questo inconsapevole insegnamento.

Quando torno a casa illuminata da così tanta saggezza,incappo su un post che dice che sei il governo ha in mano la magistratura allora può governare. E no, perché facebook mi fa visualizzare questa roba?

Mi viene un flash sulla telefonata tra due magistrati intercettata riguardo a Salvini Che sul momento pensavo fosse una bufala. Per quel che ho capito non sono loro che valuteranno il parlamentare al processo , però dicono al telefono che anche se lui ha ragione lo devono fermare e inoltre gli danno della m…a. Ho trovato la cosa di cattivo gusto, perché fino a che dico io che un parlamentare è una m..a che sono un comune cittadino posso essere parziale, ma un magistrato proprio no.

Ci sono stati e ci sono magistrati di alta caratura che hanno dato la vita per fare il loro lavoro vedi Giovanni Falcone. Non voglio credere che ci siano dei corrotti.

Ho sempre creduto che queste figure fossero al di sopra delle parti politiche, ma se oggi le cose fossero cambiate? E se queste figure fossero corrotte? Cosa ne sarebbe della giustizia?

Non entro in merito del parlamentare Salvini, perché credo di non essere la persona giusta per giudicarlo o assolverlo, ma se queste intercettazioni fossero state ai danni di qualche altro parlamentare? Come avrebbe reagito il presidente Mattarella, avrebbe aperto a sua volta un’inchiesta su questi magistrati?

Certo che il covid mette a dura prova il mio buon senso, ma anche quello di chi sta al governo.

Quando al telegiornale seguo le varie vicende politiche, i battibecchi, gli scontri, mi chiedo se invece di tenere il” diario del corona virus”, forse sarebbe stato più appassionante scrivere la “telenovela Parlamento”. Una trama avvincente piena di colpi di scena. Solo in questi due ultimi anni è successo di tutto. Salvini lascia i cinque stelle e Conte, i cinque stelle si mettono con il pd e Conte, il tutto condito con difficoltà di comprensione gli uni con gli altri, alla ricerca di far restare in piedi l’Italia, cercando di non farsi calpestare dall’Europa. Ed ecco che tra capo e collo arriva il nostro caro covid19 che nessuno conosce ma che detta leggi di non poco conto mettendo in sospensione la nostra costituzione, creando uno scenario apocalittico che ha portato dolore e morte.

C’è chi dice che ci vuole la sinistra per portarci fuori da questa situazione, chi invece si batte per la destra. Oggi credo che la cosa migliore era che l’intero governo contro questo male oscuro doveva mettere da parte i propri dissapori e combattere assieme uniti facendo fronte compatto perché l’Italia avrebbe avuto bisogno di questo.

Poi finita la pandemia si poteva tornare liberamente ai soliti teatrini parlamentari che tanto ci fanno compagnia mentre guardiamo la tv.

Con la mia cliente oggi ho capito che come io e lei ci siamo sempre sostenute anche se nelle nostre diversità di pensiero forse poteva succedere la stessa cosa in parlamento. Credo che sarebbe stata una magia favolosa.

Intanto sembra che ci siano sempre meno contagi, quindi assaporo la possibilità di vedersi aprire qualche sagra di paese, ovviamente con le dovute precauzioni. Al di la di cosa succede a Roma, il nostro compito è cercare di goderci la vita, dato che è una sola e alquanto precaria.

Buona notte caro diario, che mi porti a riflettere ogni giorno, forse in maniera sbagliata o forse in maniera giusta chi lo sa, l’importante è che sia la mia maniera che fra dieci o venti anni quando ti leggerò voglio potermi stupire di chi ero.

Notte. Lisa

Share Button