Diario dal corona virus 67


Che meraviglia finalmente un virologo italiano di nome Guido Silvestri che la pensa come me.

Lui ha creato una pagina facebook che si chiama “Pillole di ottimismo” dove tiene aggiornate le persone che lo seguono sul Covid 19.

Anche lui pensa che dovremmo tornare ad una vita normale, con tutti gli assembramenti del caso. Facendo lavorare le persone in maniera normale, senza presidi, annullando i distanziamenti sociali, che logorano la psiche delle persone, tenendo però le norme di igiene che abbiamo imparato bene in questo periodo.

Guido Silvestri è consapevole che anche se ci fosse una ricaduta a causa del virus, ora abbiamo tutte le terapie e le risorse necessarie ad affrontarlo senza ritrovarci nella grave situazione iniziale, quando ancora si era allo scuro sul covid.

Il fatto che ci hanno chiusi in casa per tanto tempo, spiega, porta le persone ai suicidi, a un malessere psicologico non da poco. Non dimentichiamoci delle violenze domestiche che le donne hanno subito durante la chiusura. I bambini e ragazzi che hanno visto la loro vita stravolta dal fermo forzato, la loro psiche giovane potrebbe portare problemi da non sottovalutare.

In fin dei conti forse il gioco non vale la candela, perché questo catastrofismo mediatico crea paura continua per qualche cosa che ora dovrebbe essere presa con meno ansia.

Quando i nostri politici vedranno il disastro psico sanitario causato da questo lockdown, cercheranno di tornare indietro accusando i virologi che hanno scelto per essere consigliati, non prendendosi le loro stesse responsabilità per le scelte fatte. Quindi il virologo “ ottimista” cerca di dire il prima possibile la verità su questo virus ( secondo i suoi studi) che ha messo in croce tutta l’Italia.

Altri medici e virologi seguono la sua stessa corrente di pensiero, quindi non è una voce sola in mezzo al mondo.

Le tv e i giornali, non affrontano l’argomento sui danni che ha provocato il lockdown, sulla psiche delle persone, il distanziamento sociale, e le mascherine che coprono il viso e l’espressività facciale che è il linguaggio che noi riconosciamo negli altri, anche senza parole. Il non potersi stringere la mano o darsi un abbraccio è contro la natura umana, e quindi la nostra stabilità emotiva ne risente parecchio.

Mi chiedo spesso perché certi medici sono più considerati di altri. La laurea credo sia uguale per tutti. Perché il governo non prende in considerazione anche altre voci? Anzi in genere cercano di screditarli e farli passare per degli incompetenti?

Quali interessi ci sono alla base di questo malaugurato evento?

Se la Cina avesse creato una pandemia fasulla per spaventare il mondo intero e diventare ancora più forte economicamente per scalzare il sistema economico mondiale?

Va bè ora sto vaneggiando, divagando, in un qualche discorso che non mi compete. Ma la Cina con la sua dittatura non la racconta tutta giusta, al mondo fa credere quello che vuole lei, non credo dica la verità su questa malattia.

Devo rifletterci ancora un pochino, poi magari su questa storia potrei fare un romanzo a sfondo politico finanziario, tanto la fantasia non mi manca. Mio marito ogni tanto mi prende per un piede e mi fa scendere dalla mia nuvoletta, rimettendomi con i piedi per terra.

Per ora questo virologo Guido Silvestri mi piace molto di più di quelli che ha ingaggiato il governo per parlare in tv, spaventarmi ogni volta che aprono bocca, facendomi sentire in colpa perché per me è giusto il libera tutti. Inoltre un governo che ti minaccia che ti mette in castigo se non fai il bravo e non ubbidisci a quello che ti ordina lo trovo un tantino esagerato, siamo adulti non bambini. Non puoi mettermi in castigo a casa.

Inoltre il governo vuole ingaggiare dei volontari nelle città per tenere d’occhio le persone affinché mantengano le distanze. Quindi non vogliono avere fiducia negli individui?

Non credo che la paura sia la soluzione, dato che adesso abbiamo le soluzioni a questa malattia.

Come sempre mi tocca seguire le regole, faccio ciò che mi viene richiesto perché ho rispetto delle persone, però cosa non darei per fare una bella disubbidienza civile, tanto per smuovere le acque.

Tranquilli, aspetto e osservo come sempre, tanto ho pazienza da vendere, ma lasciatemi credere che si potrebbe essere liberi tutti, sognare non costa niente, credere al virologo” positivo” penso faccia più bene che non credere sempre ai pessimisti strapagati dai poteri forti che magari fanno ciò che gli viene richiesto e non ciò che è giusto.

Spero che la verità venga fuori presto per il rispetto anche di chi ha perso la vita in questo periodo, perché tutti questi morti forse, non sono morti di covid ma di qualche altra cosa. Chissà se non fossero morti di covid, avrebbero potuto morire con accanto qualche caro facendo un bel funerale come da prassi normale.. A questo ci penso spesso, perché se fosse morto qualcuno che amavo, senza potergli tenere la mano o senza poter fare un funerale con tutti coloro che lo hanno amato non so come avrei reagito. Quindi la verità è doverosa.

Buona giornata con un bel sole a tutti. Lisa

Share Button