Diario dal corona virus 62


Ed un altro giorno se ne va e io mi sento sempre più stanchina.

Ma felice, certo perché oggi sono passate da me persone interessanti.

Una in particolare che io ammiro per le sue infinite conoscenze, cultura da vendere, e capacità di riflessione che vorrei avere io. Ha la mia stessa età, ma in conoscenze e cultura mi supera cento a zero. Secondo me è una enciclopedia con le gambe.

Mi ha incuriosita perché mi ha parlato di un certo Vito Mancuso scrittore e filosofo. Lei è andata a sentire alcune sue conferenze. A suo avviso la mia cliente dice che lui con concetti di facile comprensione, riesce a spiegarti la vita umana legata alle religiose, che le sfrutta intelligentemente per dare l’idea del divino in maniera astratta ma allo stesso tempo fa capire che esso è parte del nostro se interiore.

Ha spiegato il signor Vito Mancuso, del come migliorarsi, che cosa vuole dire essere migliore.

Di come questo periodo di fermo ha cambiato le nostre personalità, oppure da come non siano cambiate, o peggio peggiorate.

Ovviamente non sono riuscita ad approfondire i concetti che lui ha elencato, ma quando avrò nuovamente un po’ di tempo sicuramente entrerò nelle sue letture, o video. C’è sempre da imparare da persone come lui che hanno una visiona così alternativa dell’umanità.

Comprendo perché mi piace il mio lavoro, esso mi porta in contatto con le persone più disparate, quelle disinteressate di tutto e quelle super acculturate che mi lasciano incantata dai loro racconti o spiegazioni.

Ovvio che è difficile discernere da chi ti racconta un sacco di stupidaggini e da chi ti dice grandi verità, ma quando capisci chi è meritevole della tua attenzione, la giornata diventa interessate e piena di spunti per approfondire certi argomenti ( dopo via a casa a fare ricerche per non farti trovare impreparata la volta dopo).

Non riuscendo a guardare la tv, mi rendo conto che il covid19 pare non esista, a parte le mascherine togli fiato.

Certo che se non ci fossero stati i telegiornali martellanti su questo argomento, non ci avremmo dato così tanto peso a questo virus.

Vedo nelle persone un senso di oppressione, instabilità della sopportazione di queste regole, prescrizioni, protocolli. Ma noi siamo friulani, ubbidienti per natura e sempre pronti al sacrificio.

Vorrei andare al mare a vedere come ci si deve comportare in spiaggia, piuttosto che a passeggio per la città.

Una grande e strepitosa novità, al di l’ha del boiler nuovo perfettamente funzionante, ho notato che a casa ho dei nuovi ospiti.

Credo che cosa più inattesa di questa non poteva capitarmi. Ebbene le formiche hanno fatto capolino nel mio bagno.

Questa mattina quando mi sono alzata dal letto sul pavimento bianco del bagno vedevo piccoli esserini neri che si muovevano senza sosta. Non portando gli occhiali in quel momento presi un bello spavento. Credevo fossero le pulci del cane. Fortunatamente invece erano formiche.

Giusto che queste piccole e fastidiose bestiole scelgano di entrare a casa mia, quando io devo andare a lavorare. Vi pare giusto? Oggi non ho tempo di capire da dove arrivavano, quindi devo solo sperare che non raggiungano la cucina, altrimenti sono rovinata.

Boiler, formiche, ora aspetto domani per vedere che altra cosa deve andarmi storta. Quando ero chiusa in casa non mi è mai successo niente di che, adesso che torno a lavoro mi capita di tutto.

Mistero della vita.

Bisogna forse fare finta di essere sempre a casa, così la casa non si ribella facendo danni per attirare la tua attenzione.

Anche perché quando la casa vuole le tue attenzioni in genere sono costose, poi lo stato ti chiede di pagare l’imu, ignaro di quante volte devi mettere le mani nel portafoglio per fare in modo che la tua abitazione non si auto distrugga.

Anche questa giornata è passata serenamente, devo ancora decidere cosa portarmi al lavoro per pranzo domani, credo che qualche cosa di buono lo apparecchio.

Quindi abbandono questa paginetta per farmi una bella doccetta, per dirigermi nel lettino e farmi un pisolino, per essere forte anche domani dato che dovrò muovere le mani, per creare delle belle acconciature per far felici tutte le mie belle creature.

Buona notte Lisa.

Share Button